Pubblicato il Lascia un commento

Spaghetti di Maratea, primo fresco e gustoso

spaghetti di maratea

L’estate è vicina, mancano meno di tre settimane, e la voglia di mangiare a volte inizia a venire un po’ meno. Anche questa volta vendiamo il rimedio, perché rinunciare al gusto e a un sano piatto di pasta quando il termometro sale? Oggi la famiglia di Antica Salumera del Corso propone un primo piatto freschissimo, tipico di una famosa cittadina lucana che si affaccia sul Tirreno: è tempo di presentare gli Spaghetti di Maratea ai nostri clienti e seguaci.

Come al solito gli ingredienti e le dosi saranno per quattro persone.

Ingredienti e dosi per preparare gli Spaghetti di Maratea.

Non si tratta solo di una ricetta ideale per il periodo dell’anno, è anche facilissima da prepararsi e molto veloce. Di cosa abbiamo bisogno?

Veniamo a noi con la preparazione.

La preparazione.

Per prima cosa bisogna lavare i pomodori e inciderli disegnando una croce su un’estremità, dunque pelarli. Per aiutare questa fase potreste immeggerli in acqua bollente per un minuto, in modo tale che siano più facili da pelare. Una volta tagliati a croce sarà più facile pulirli e allora li sminuzzerete. Aggiungete l’aglio a spicchi, l’olio e il sale, mescolate per bene e scaldate a bagnomaria.

preparazione degli spaghetti di maratea

Nel frattempo mettete a cuocere la pasta. Gli spaghetti dovranno essere al dente, non tanto per gusto ma per salute, e quando saranno pronti li scolerete nella ciotola del condimento. Non vi resterà che impiattare e condire ancora con un altro filo d’olio a crudo. Gli Spaghetti di Maratea sono pronti per essere mangiati.

Quale pasta scegliere?

Proponiamo ai nostri clienti la Pasta di Stigliano. Trattasi di un prodotto biologico, frutto della molitura di grani duri lucani selezionatissimi. Viene quindi trafilata in bronzo ed essiccata a basse temperature.

Trattasi di un prodotto sanissimo ed estremamente gustoso. Acquistala subito nel nostro shop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.