La ‘Ncherenóte, come prepararla?

Sta per avvicinarsi una festività molto importante, una di quelle che a chi è della Basilicata piacciono tanto. Oltre che per l’importanza religiosa infatti, la Pasqua è un periodo caratterizzato da una ricetta in particolare, una di quelle cosa che dalle nostre parti si aspetta un anno per mangiare e quando arriva, il momento non delude mai. Parliamo della ‘Ncherenóte, un piatto tipico ricco di sapori e gusto, ottimo accompagnato a un gustosissimo bicchiere di vino.

Oggi la famiglia di Antica Salumeria del Corso vi presenta una delle ricette più importanti della cucina lucana.

Cos’è la ‘Ncherenóte.

Sappiamo bene di non rivolgerci soltanto a un pubblico della Basilicata, ragion per cui è giusto partire spiegando di cosa stiamo parlando.

In pratica è una torta salata, molto ricca ma allo stesso anche semplice. Ricca di ingredienti ma semplici, tutti quelli che decenni fa, nelle vaste campagne della Basilicata, tutti avevano a disposizione. In questo senso trattasi di ingredienti semplici, seppure oggi molti siano assolutamente ricercati, come la soppressata lucana. Nei sapori può ricordare un panino napoletano, con però alla base ingredienti decisamente più prelibati.

Veniamo, appunto, alle materie prime che ci aiuteranno a preparare la ‘Ncherenóte.

Gli ingredienti.

Gli ingredienti per la pasta sono i seguenti:

Per quanto invece concerne il ripieno, bisogna disporre dei seguenti ingredienti:

Veniamo a noi con la preparazione.

La preparazione.

Impastiamo farina, uovo, vino bianco, sale e olio fino a ottenere un impasto compatto e liscio, il quale andrà lavorato velocemente e diviso in due panetti, uno che farà da base e l’altro da copertura alla torta salata.

Fatto ciò, miscelate le due uova con la ricotta, il sale e quindi il pepe; a questo composto aggiungerete la soppressata tagliata a striscioline spesse pochi millimetri e la salsiccia sminuzzata.

Stesa la pasta, ottenendone due dischi, rivestite con il primo una tortiera imburrata e infarinata per bene. Cospargete tutto con metà del ripieno, quindi aggiungete uno strato di primo sale e uova sode. Infine ricoprite con il resto del ripieno alla ricotta.

preparazione ncherenote

Chiudete il tutto con il secondo disco di pasta, facendo attenzione a chiudere per bene i bordi, e mettete in forno, già caldo, a 180° per poco meno di un’ora, fino a quando vedrete un bel colorito dorato.

Quale soppressata scegliere per la ‘Ncherenóte?

Nella ricetta della ‘Ncherenóte, un ruolo fondamentale lo gioca la soppressata. Una cosa importante è sceglierne una di grande qualità e noi consigliamo quella di Don Francesco per tre motivi:

  1. Ha un spaore particolarmente delicato;
  2. Viene prodotta lavorando la carne più nobile di suini allevati al pascolo;
  3. È un prodotto artigianale.

Il gusto sì, ma la salute deve venire prima di tutto, per questo bisogna scegliere i migliori prodotti!

Buon appetito dalla famiglia di Antica Salumeria del Corso.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PARAGRAFI

SCOPRI ALTRO

ALTRE RICETTE

polpette di ceci
Ricette
Antica Salumeria del Corso

Polpette fritte di ceci con formaggio

Benvenuti nella cucina di Antica Salumeria del Corso, dove oggi vi sveleremo il segreto per preparare delle deliziose polpette fritte di ceci con formaggio. Questa

LEGGI DI PIù »
risotto agli spinaci
Ricette
Antica Salumeria del Corso

Risotto agli Spinaci

Oggi vi guideremo nella preparazione di un delizioso risotto agli spinaci, arricchito con l’olio extravergine di oliva biologico dell’Azienda Agricola Dichiara. Questa ricetta semplice e

LEGGI DI PIù »
rafanata
Ricette
Antica Salumeria del Corso

Rafanata: un assaggio di Carnevale

La rafanata è un piatto tipico lucano carnevalesco che deve il suo nome all’ingrediente principale, il rafano, una radice ampiamente utilizzata nella cucina della Basilicata.

LEGGI DI PIù »
[]