Pubblicato il Lascia un commento

Semifreddo al Pistacchio di Stigliano e cruschi.

Per la prima volta vogliamo presentare ai nostri clienti un dolce, con la collaborazione della pizzeria Al Chiaro Di Luna e nella persona di Marco Barisano. Ecco a voi il Semifreddo al Pistacchio di Stigliano e peperoni cruschi.

Quindi questo dolce nasce da due dei più famosi frutti dell’agricoltura lucana: il pistacchio e il peperone crusco. Se del Pistacchio di Stigliano, frutto della visione del compianto Innocenzo Colangelo, abbiamo già parlato in passato, così non è del peperone crusco.

Importato dagli Aragonesi nel XVI secolo, è un prodotto originario delle Antille. Tipico della cucina lucana e diffuso anche in quella calabrese, trattasi di un peperone rosso dolce essiccato e fritto. Ottimo come contorno o snack, è riconosciuto come un prodotto agroalimentare tradizionale regionale della Basilicata.

Ingredienti e preparazione.

La caratteristica particolare di un semifreddo è che la sua struttura viene mantenuta dal freddo. Per la buona riuscita di questo dolce al cucchiaio c’è una precisa percentuale da seguire:

  • 50% di panna montata;
  • 35% base di semifreddo;
  • 15% gusto.

Queste percentuali possono variare a seconda del gusto ma ciò che non deve mai variare è il 50% di panna montata.

L’accompagnamento della ricetta in questione è composta da:

  • crema di basilico;
  • pistacchio;
  • ganache al peperone crusco.

Ovviamente saltano all’occhio la prima e la terza delle componenti.

Nel caso della crema di basilico trattasi di una simil crema pasticcera priva di farina che quindi si presenta liquida. Il basilico viene infuso nel latte.

La ganache invece è un’emulsione di panna e cioccolato con un’aggiunta di peperone crusco.

Noi di Antica Salumeria del Corso siamo molto felici di presentare ai nostri clienti questo splendido dolce figlio della lavorazione di prodotti tipici del posto.

Certi che chi vorrà gustare questo semifreddo non resterà deluso, ringraziamo l’amico Marco Barisano per averci fornito la ricetta.

Buon dessert a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *