Pubblicato il Lascia un commento

Orecchiette con il rafano

Quale ricetta preparare con la Pasta di Stigliano? Quando il carnevale è alle porte noi non possiamo avere alcun dubbio a riguardo: oggi presentiamo per tutti i nostri clienti una personale versione delle orecchiette con il rafano.

Prima di tutto spieghiamo, per i non lucani qualora non lo sapessero, cos’è il rafano. Si tratta di una pianta, la cui radice è utilizzata in cucina e fa parte della gastronomia tradizionale lucana. Se intatta, la radice non ha praticamente alcun sapore; tuttavia, una volta grattugiata, sprigiona un sapore piccante molto particolare e decisamente nasale. Come detto, ricopre un ruolo centrale nella cucina della Basilicata, dove viene utilizzato non solo come condimento per la pasta ma anche per preparare la rafanàt, una tradizionale frittata.

Noi di Antica Salumeria del Corso, visti anche i prodotti in vendita sul nostro sito, vi proponiamo le orecchiette con il rafano, come al solito con dosi per quattro persone.

Ingredienti e dosi per preparare le orecchiette con il rafano.

  • 320 grammi di Orecchiette di Pasta di Stigliano;
  • sale quanto ne basta;
  • ragù (di maiale o agnello);
  • Canestrato Lucano grattugiato quanto ne basta;
  • radice di rafano grattugiata quanto ne basta.

La preparazione.

Veniamo alla preparazione di questo gustosissimo primo piatto.

Ovviamente bisogna partire dal ragù, quindi preparatelo facendo soffriggere sedano, carote, cipolla, aglio e prezzemolo, facendo attenzione che non si brucino. Aggiungete la carne e fatela rosolare alzando la fiamma, quindi insaporite con il sale. Sfumate con un po’ di vino e versate la Passata di Pomodoro. Dovrà cuocere per un’ora e mezza circa.

Per quanto riguarda la pasta dovrà essere ben al dente e la condirete con il ragù e una bella dose di canestrato a rafano.

Un primo piatto molto semplice ma dal gusto singolare e inebriante.

L’unica accortezza riguarda la fase in cui andrete a grattugiare il rafano. Bisognerà fare molta attenzione, perché l’essenza piccante della radice, sprigionata subito, irrita le mucose e comporta una forte lacrimazione.

La famiglia di Antica Salumeria del Corso vi augura buon appetito e un gustoso carnevale in tavola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.