Ricetta degli struffoli napoletani con ingrediente segreto: Miele di Millefiori della Basilicata

ricetta degli struffoli napoletani

Con l’avvicinarsi del mese di dicembre, è il momento perfetto per iniziare a preparare i dolci natalizi tradizionali. Tra le ricette più amate e apprezzate in Italia, gli struffoli napoletani occupano un posto di rilievo. Questi deliziosi dolcetti a base di pasta fritta, guarniti con miele e decorati con confettini colorati, sono una vera e propria festa per il palato. In questa ricetta, vi spiegheremo passo dopo passo come preparare gli irresistibili struffoli napoletani, utilizzando il nostro pregiato Miele di Millefiori Lucano.

Ingredienti e dosi per preparare la ricetta degli struffoli napoletani

Quello di cui necessitiamo per questa ricetta è quanto segue:

  • 300g di farina 00
  • 3 uova
  • 50g di zucchero
  • 50g di burro
  • Scorza grattugiata di un limone
  • Scorza grattugiata di un’arancia
  • 1 pizzico di sale
  • Olio per friggere (in questo link ti viene spiegato come scegliere l’olio migliore)
  • Miele di Millefiori Lucano “Urgo” q.b.
  • Confettini colorati per decorare

Proseguiamo con la preprazione.

ricetta degli struffoli napoletani

La preparazione.

Iniziate preparando la pasta per gli struffoli. In una ciotola grande, setacciate la farina e unite lo zucchero, il burro ammorbidito, le uova, le scorze grattugiate di limone e arancia, e un pizzico di sale. Mescolate gli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo e compatto.

Trasferite quindi l’impasto su una superficie di lavoro leggermente infarinata e lavoratelo energicamente per alcuni minuti, fino a quando diventerà liscio ed elastico. Dividete l’impasto in piccoli pezzi e formate dei cilindretti sottili della lunghezza di circa 5 centimetri.

Tagliate i cilindretti a pezzetti di 1 centimetro e mezzo di lunghezza, ottenendo così i vostri struffoli. Portate allora l’olio a temperatura elevata in una padella capiente e friggete gli struffoli in piccoli lotti, fino a quando saranno dorati e croccanti. Scolateli con una schiumarola e metteteli da parte su un piatto foderato con carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

Una volta che tutti gli struffoli saranno fritti e freddi, scaldate il miele in un pentolino a fuoco medio-basso. Aggiungete gli struffoli al miele caldo e mescolate delicatamente per rivestirli uniformemente. Trasferite gli struffoli su un piatto da portata e, mentre il miele è ancora caldo, decorate con abbondanti confettini colorati.

Lasciate raffreddare gli struffoli completamente prima di servirli.

Perché il Miele di Millefiori Lucano?

La scelta del miele per la preparazione degli struffoli è fondamentale per ottenere un risultato di qualità superiore. Il Miele di Millefiori Lucano “Urgo” è un’ottima scelta, grazie al suo sapore delicato e al profumo intenso. La Basilicata è conosciuta per la produzione di miele di alta qualità, grazie all’ambiente incontaminato e alla varietà di fiori presenti nella regione. Utilizzare il Miele di Millefiori Lucano “Urgo” renderà i vostri struffoli napoletani ancora più deliziosi e speciali, portando in tavola un pezzo di tradizione e autenticità. Acquistalo da questo link.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PARAGRAFI

SCOPRI ALTRO

ALTRE RICETTE

polpette di ceci
Ricette
Antica Salumeria del Corso

Polpette fritte di ceci con formaggio

Benvenuti nella cucina di Antica Salumeria del Corso, dove oggi vi sveleremo il segreto per preparare delle deliziose polpette fritte di ceci con formaggio. Questa

LEGGI DI PIù »
risotto agli spinaci
Ricette
Antica Salumeria del Corso

Risotto agli Spinaci

Oggi vi guideremo nella preparazione di un delizioso risotto agli spinaci, arricchito con l’olio extravergine di oliva biologico dell’Azienda Agricola Dichiara. Questa ricetta semplice e

LEGGI DI PIù »
rafanata
Ricette
Antica Salumeria del Corso

Rafanata: un assaggio di Carnevale

La rafanata è un piatto tipico lucano carnevalesco che deve il suo nome all’ingrediente principale, il rafano, una radice ampiamente utilizzata nella cucina della Basilicata.

LEGGI DI PIù »
[]